Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

Scritto da: -

La crisi del sistema porta con sé la fine del lavoro?

Employment-Population-Ratio-2012.png

Lavorerai con sudore, partorirai con dolore“. Chissà se la maledizione biblica vedeva un collegamento tra le due cose. Che sia per l’aumento della popolazione, o per la crisi economico-finanziaria, la situazione del lavoro è tragica per tutto il pianeta.

In Italia, le notizie recenti riportano come la disoccupazione stia crescendo a livelli record, e che il 2013 sarà se possibile anche peggio. Dagli USA, arrivano notiziole di poco valore che dovrebbero essere confortanti, la disoccupazione in calo per miseri 146 mila posti di lavoro creati a novembre.

Se invece, come piace a noi, guardiamo i dati da una distanza un po’ meno vicina che ieri mattina, ecco il drammatico grafico in apertura che si riferisce proprio agli States. Un crollo senza possibilità di scuse. Un Paese che, dal 95% di occupati del 1969, è passato a poco più del 58; dove un quarto della popolazione vive intorno alla soglia di povertà, dove chi lavora spesso deve fare tre lavori al giorno per arrivare a fine mese, dove i laureati lavorano gratis. La classe media è completamente distrutta.

Altrove non va meglio. In Spagna i senza lavoro sono 5 milioni, in Francia la disoccupazione è cresciuta al 10,3% nel terzo trimestre, in Grecia è al 26. Persino in Cina decine di migliaia di laureati e diplomati si affollano in file di ore per la speranza di un colloquio, mentre l’economia rallenta (guardate le foto, impressionanti).

La sensazione è che stia finendo il lavoro. Non ce n’è più per tutti, qualsiasi cosa si faccia, qualsiasi preparazione si abbia, qualsiasi capacità o conoscenza si sia in grado di offrire. E questa è probabilmente la prospettiva più agghiacciante nella fine del nostro sistema.

LINK UTILI

Lavoro: la fila dei disoccupati, in USA (video)

Lavoro USA: gli americani lavorano “a morte”

Lavorare tutti, lavorare aggratis

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 22 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Beh, almeno in Cina i 10.000 disoccupati si disputavano 9.000 posti di lavoro offerti da 150 compagnie. Diciamo che il 90% dovrebbe essere uscito contento dalla ressa. Qui da noi (ricconi occidentali) quando c\'è una selezione per 10 posti si presentano in 5.000! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Quello che per il bruco è \"la fine\", per il resto del mondo è una farfalla. Smettiamola di pensare da bruchi. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    \"La sensazione è che stia finendo il lavoro.\"La sensazione è che sia tutto voluto, risultato di un percorso pianificato e perpetrato attraverso la truffa del denaro falso stampato in monopolio dalle banche centrali, dalle politiche monetarie e dei governi e della rapina a mano armata delle tasse - e che chi vuol raccontare la fesseira che \"eh, succede, è cambiato il mondo\" come fosse cambiato il tempo sia un bugiardo spacciatore di fuffa che fa da palo a questi criminali che hanno provocato la crisi e la stanno usando per effettuare un enorme traferimento di ricchezza reale e potere nelle loro mani e spingere la loro agenda politica.Tanto per cambiare.Infatti a guardare cause (ed effetti) nel dettaglio e a ragionare non ci si pensa nemmeno: si fa il disegnino e il grafichetto, si spara la voluta interpretazione basata sul nulla e il gioco è fatto - funzionava con Berlusconi da Vespa, non dovrebbe funzionare per il blogger-sacerdote? Scherziamo? :\'DIl fatto che siete ancora lì con Bersani contro Berlusconi appunto è proprio la pietra tombale sul tutto... :\'D(di Ilva, Medio-oriente e palle sulle armi chimiche - ho sentito su RaiNews24 dire \"si sentono voci di uso di armi chimiche da parte di Assad sulla popolazione\" persino, BEI salottini frequenti - o una qualunque cosa seria, fosse anche Fukushima che ancora ce ne sarebbe da dire, meglio non parlare, sempre, eh? :\'D ). Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Il grafico sembra mostrare l\'esistenza di una condizione stabile con alta disoccupazione a conferma delle teorie di Keynes. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    ....Preferisco avere 2 medici a 1300 euri al mese che 1 a 2600; preferisco che un insegnante guadagni 1300 invece che 1700 alleggerendo dalle tasse la busta paga degli operai che anche loro guadagnino 1300 invece che 1100, magari con qualche operaio in più per abbattimento del cuneo fiscale da taglio del 20 % del monte stipendi nel pubblico. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    il trucchetto di mostrare uno zoom sulla parte calante del grafico per dare l\'impressione di un crollo non impressiona più nessuno. un calo dal 63% al 59% in 10 anni significa 4% che sia pur grave non è la catastrofe che volete dipingere. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Questa volta mi permetto di dissentire: sta finendo il lavoro, sì, ma quello ambito dalla classe media figlia del boom economico. La stessa classe media con la puzza sotto il naso che, nel 1980, dava l\'inizio alla disgraziata epoca del riflusso e a tutto ciò che ne è derivato sfilando alla marcia dei 40.000 contro gli operai, con cui oggi scoprono di avere più interessi in comune di quanto pensassero.Niente più eserciti di figli della società \"bene\" a fare gli pseudointellettuali dietro una scrivania? La povera prole del colletto bianco è costretta a precarizzarsi in un call center pur di non sporcarsi le mani? L\'invenzione di mestieri ridicoli tipo wedding planner, personal shopper, light designer ed amenità americaneggianti del genere non basta a coprire l\'emorragia di posti \"rispettabili\" in grado di render fieri mamma&papà all\'aperitivo con gli amici \"bene\"?A zappare. Di lavoro, non \"per bene\" certo, ce ne sarà in abbondanza quando dovremo trovare il modo di compensare l\'improvvisa mancanza di miliardi di schiavi-equivalenti in petrolio di cui abbiamo abusato per un sessantennio, adeguando i nostri stili di vita ad un andazzo insostenibile pur di scimmiottare la Marta Marzotto.È la fine della classe media, non la fine del lavoro. Ce ne faremo una ragione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Io lavoro. 7 giorni su sette, giorno e notte. Ma non lo chiamo lavoro. E\' vita. Mi diverto. Non sono ricco, non sono povero. Faccio l\'orto. Risparmio. Non spreco. Sono competitivo perché non ho orari, mi adatto. Ho sempre fatto di tutto, e sono cresciuto. Vedo giovani laureati che non hanno mai lavorato che cercano di fare i \"manager\", non hanno cognizione di cosa sia il lavoro. Non so. Non c\'è inventiva. Quella che c\'è lo Stato la uccide. Allora bisogna fare di più. Inventarsi reinventarsi cogliere e buttarsi. Il lavoro non è un autobus. E se anche lo fosse,l\'ultimo è passato da un pezzo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Ecco la serie completa: http://research.stlouisfed.org/fred2/series/EMRATIO?cid=32445; il tasso di occupazione attuale è all\'incirca pari a quello degli anni \'70William Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    Ecco il risultato dei \"neoliberisti\" di Milton Friedman e la loro fissazione idolatrica sulla capacità del \"libero\" mercato!! Nelll\'ex CCCP la gente viveva materialmente con molto poco, tutti con grandi e piccoli problemi quotidiani, ma vivevano molto più serenamente rispetto ad ora. - se son criticavi il governo, proprio come adesso, ovvio! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    a me viene da ridere nel leggere certi articoli: il lavoro sta calando anche negli u.s.a. ma la gente fa tre lavori x arrivare a fine mese beati loro che li trovano in italia non c\'è nemmeno il primo!! il lavoro non sta finendo semplicemente non vine creato o non lo si vuol pagare e la gente non ci va! rispetto a qualche decennio fa i tempi son cambiati ci portano sempre piu alla fame e mentre prima lavorava solo l\'uomo e la donna spesso lavorava tanto per far qualcosa o o per avere di piu (vacanze,lussi, divertimenti) adesso si è costretti a lavorare e se si vive in coppia si è costretti a lavorare in 2 è logico che il posto di lavoro per tutti non ci sia! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    RAGAZZI MA NON CAPITE CHE OPPORTUNITA\' INCREDIBILE E\' QUESTA...E\' ARRIVATO IL MOMENTO DI RITORNARE A MADRE TERRA! L\'UNICA COSA NON DOBBIAMO FARCI RI-CATTURARE DAI VECCHI MECCANISMI: QUINDI PER TERRENI DI QUALUNQUE ESTENSIONE NIENTI PREZZI ASSURDI...COMPATTIAMOCI IN GRUPPI CHE POSSANO FAR VALERE LE LORO PROPOSTE TIPO COMODATO D\'USO, PICCOLI AFFITTI ECC. OPPURE CHE ABBIANO LA FORZA DI OCCUPARE LE TERRE CHE SONO DI TUTTI....COMINCIAMO A SCARDINARE VERAMENTE IL SISTEMA!!!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo

    Posted by:

    \"non c\'è n\'è più per tutti\"... o forse si potrebbe lavorare tutti ma meno. Io non capisco chi ha stabilito\' che sia bene per una società necessitare di più lavoro, c\'è anche l\'ovvio rovescio della medaglia, per come la vedo io almeno, che vede come positivo il fatto che una società può sostentarsi ed anche magari prosperare con meno lavoro. Scritto il Date —