Costa Crociere: da Costa Allegra, a Signore delle Mosche

I passeggeri della Costa Allegra formano "tribu" aggressive, gli uni contro gli altri. E' questo il modo in cui noi umani reagiamo ad una crisi?

124182b_il-signore-delle-mosche-visore.jpg


Un lettore mi invia un trafiletto de La Stampa, attirando la mia attenzione sulle ultime cinque o sei righe. Si tratta di uno dei tanti raccontini che circolano sui giornali riguardo al secondo incidente di Costa Crociere, quello della Costa Allegra. Così racconta un passeggero:


"Sulla nave era diventato impossibile camminare, perché si erano formate come delle tribù che difendevano il loro territorio. I tedeschi erano i peggiori di tutti, poi venivano i francesi." E l'ingegnere mostra il dorso della mano graffiato: "E' stata una signora francese, che non voleva spostare la sua sdraio..."


Il lettore, quasi divertito, mi linka il libro di James Ballard "Il condominio" (qui il sunto). Io, molto meno divertita, ricordo invece Il Signore delle Mosche, terribile romanzo del premio Nobel William Golding, che mi traumatizzò l'infanzia e non ho mai più avuto il coraggio di rileggere. La storia di un naufragio che si trasforma in un incubo selvaggio, in cui degli educati ragazzini inglesi finiscono col formare tribu adoranti mostri e si uccidono a vicenda.

La nostra idea della reazione sociale ad una catastrofe è molto diversa da quella proposta dall'immaginario americano. In USA si è più portati a ritenere che ci si sparerà a vicenda, mentre qui in Europa, specialmente nei Paesi latini, si crede più alla solidarietà ed alla collaborazione. O almeno, ci si spera.


Il breve raccontino, senza ulteriori dettagli, di ciò che è accaduto sulla Costa Allegra apre invece uno spiraglio inquietante sull'umana propensione a tornare ad atteggiamenti da selvaggi, nel momento del bisogno. Sulla Allegra, a differenza della Concordia, si era in emergenza ma non in immediato pericolo di vita: perché si è reagito "formando tribu"? Cosa ha spinto persone altrimenti civilizzate, che la sera prima sorseggiavano cocktail chiacchierando amabilmente sotto la luna, ad allearsi coi compatrioti contro "gli altri" ed a picchiarsi in gruppo per una sedia a sdraio?


Non lo so. Per una volta, come direbbe Leonardo, non "ho una teoria". Sono solo piuttosto preoccupata, forse nutro illusioni sulla natura umana e dovrò decidermi a rileggere Il Signore delle Mosche.


Foto - dal film "Il Signore delle Mosche"

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO