Mutui: il governo islandese li paga al posto dei cittadini

Lo stato islandese ha deciso di pagare il 13% del PIL nazionale (come se l'Italia investisse circa 250 miliardi di Euro) per cancellare i mutui ipotecari di un quarto dei cittadini

islandacase.jpg


Ho qualche problema a collegarmi, causa operazione della mamma.


Ma vi voglio segnalare questa notizia da Bloomberg, via Giornalismo Partecipativo: l'Islanda cancella i mutui ipotecari di un quarto dei suoi cittadini.


Lo stato islandese ha deciso di pagare il 13% del PIL nazionale (come se l'Italia investisse circa 250 miliardi di Euro) per cancellare i mutui ipotecari del quarto dei cittadini del paese più in difficoltà a pagare.

Senza tale decisione migliaia di famiglie islandesi avrebbero perso le loro case.


Insomma, quel che fa l'Islanda sembra non faccia testo, si ma, in realtà ma no che non è vero che si ribellano, ma sì che il FMI l'hanno pagato, in fin dei conti sono quattro gatti, non facciamo di tutt'erba un fascio e non ci sono più le mezze stagioni.


Fatto sta che un Paese occidentale e modernissimo decide di investire ben il 13% del PIL per togliere dalle spalle dei propri cittadini il peso di un debito insostenibile, mentre altri Paesi pensano bene di metterci il carico da 11.


E ora potete cominciare coi distinguo.


Foto - Flickr

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO