Terremoto Emilia: la pacchia è finita, tutti sotto!

Scritto da: -

"Il tempo dei lussi è terminato", cari terremotati. Se ve la siete spassata fino ad oggi, d'ora in poi arrangiatevi. Ma prima, pagate.

DSCN0735 copia.JPG

Cosa credevate? Che la pacchia di godersi la vita da terremotati potesse durare in eterno? Neanche per sogno, ragazzi: “Il tempo dei lussi è terminato”, ha dichiarato il sottosegretario Catricalà. Le regole UE parlano chiaro, la sigla impedisce “aiuti di Stato” a chicchessia, sia pur terremotato, come nella migliore tradizione delle sigle globali (vedi qui e qui).

Così, i terremotati devono pagare tutte le tasse arretrate e anche di corsa, se hanno l’azienda “agibile” (poco importa che da quelle parti il lavoro sia calato del 50%), perché “lo vuole l’Europa”. Grazie, Europa, grazie sogno europeo che tutti ci unisce ed affratella! I famosi finanziamenti della UE, poi, sarebbero arrivati: ma non crederete mica che li distribuisca il Prefetto, sarebbe una cosa disgustosamente statalista. Manco per niente: sono ovviamente in mano alle banche, che implacabili giudici decidono chi li avrà e chi non li avrà (e in prestito). E’ così che funziona: lo Stato non può aiutare i cittadini, le banche sì. Nel loro interesse, naturalmente, mica in quello collettivo.

Insomma, ricordatevi che in caso di disastri di ogni genere ormai siamo soli, è finita la politica ed è finito anche lo Stato italiano. Se fossi complottista direi poi che qualcuno si sta fregando le mani nel vedere ridotta in ginocchio una delle zone più produttive di un Paese produttivo, un competitor in meno e senza spendere un euro: ci ha pensato madre Natura a rendere un simile favore.

E se temete che alle prossime -inutili- elezioni possa andare perfino peggio, state tranquilli: Catricalà aveva per tempo annunciato che lui e il governo saranno ancora a disposizione, qualora al Paese necessiti. Ovvero, qualora ci sia bisogno di fare a meno di altri lussi inutili.

Foto - Mia

Segui Crisis su Facebook

Seguimi su Twitter

LINK UTILI

Terremoto in Emilia, ricostruzione e sovranità nazionale

Alluvione in Liguria, disastri imprevedibili e morti prevenibili

Crisi USA: crolla tutto, gli ingegneri chiedono aiuto allo Stato

Vota l'articolo:
3.95 su 5.00 basato su 301 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Terremoto Emilia: la pacchia è finita, tutti sotto!

    Posted by:

    Ma in che senso i finanziamenti li distribuiscono le banche? Com\'è sta cosa?(non ho seguito la questione, mi si perdoni l\'ignoranza) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Terremoto Emilia: la pacchia è finita, tutti sotto!

    Posted by:

    Se fossi complottista direi poi che qualcuno si sta fregando le mani nel vedere ridotta in ginocchio una delle zone più produttive di un Paese produttivo, un competitor in meno e senza spendere un euro: ci ha pensato madre Natura a rendere un simile favore. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Terremoto Emilia: la pacchia è finita, tutti sotto!

    Posted by:

    \"è finito anche lo Stato italiano.\"Poche righe sopra:\"Così, i terremotati devono pagare tutte le tasse arretrate\"La sfacciataggine con cui prendi per il culo il tuo pubblico è di livello ormai berlusconiano...e chi te le estorce le tasse?? Zio Paperone per caso?? :\'D Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Terremoto Emilia: la pacchia è finita, tutti sotto!

    Posted by:

    \"ci ha pensato madre Natura a rendere un simile favore\"No Debora, ci hanno pensato anni di mancanza di prevenzione per i terremoti. Se i capannoni fossero stati costruiti in modo appena più solido, ci saremmo evitati questo scenario da tragedia del Terzo Mondo Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Crisis.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano